Siete mai andati in pigiama in oratorio?

A giudicare dalla quantità di gente che si girava a guardare divertita il mio grosso pigiama di pile, presumo che la risposta sia negativa, e che anzi molti dei nostri concittadini non ne abbiano addirittura mai visto uno.Non è il caso però della signora che ha fermato me e le mie amiche per chiederci se stessimo per caso andando alla corsa con i pigiami in piazza d’Armi a cui ogni anno partecipa, lei sì che di pigiami ne ha visti. Corse al parco a parte, vi starete chiedendo cosa ci facessi io vestita così per le strade di Santa Rita alle 18.45 del 1 ottobre.
Venerdì sono ricominciati gli incontri dei ragazzi dalla prima alla quinta superiore che si terranno in oratorio fino alla prossima Pasqua (si spera). Qual è quindi il modo migliore per festeggiare se non un pigiama party?
È così che ci siamo ritrovati tutti insieme alle 19.00 armati di coperte, vestaglie, mascherine per gli occhi e particolari abiti di seta. La serata è iniziata con l’arrivo della cena, un panino e qualche sfiziosità seguiti da dei dolcini a forma di cuore. Finito di mangiare, siamo usciti tutti in cortile per giocare un po’: siamo andati da un “carta forbice sasso armato” a una “staffetta-tris-con-fazzoletto” (la spiegazione è veramente contorta ma in compenso basta saper correre in ciabatte per giocare) fino ad arrivare a quel classicone che è la lotta con i cuscini, bendati però perché ci piace essere un po’ creativi. La serata si è conclusa con un momento di riflessione e con l’augurio di un buon anno per i gruppi in partenza e che, anche se con cammini diversi, si ritroveranno insieme a Natale per condividere un altro pezzo di strada comune.
Chiara Maggiora


© 2021 Santuario Santa Rita da Cascia Torino
Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione