Ancora nel 1939 si incontra un nuovo personaggio nella storia del Santuario: il pittore Piero Dalle Ceste, artista già noto in Torino per le sue opere nelle chiese della SS. Annunziata e di Maria Ausiliatrice.
La sua opera inizia con la decorazione della volta della calotta absidale: sullo sfondo dorato, a poco a poco appaiono la Trinità e l'Eucarestia. Al centro è la Croce. Il Cristo si erge fino a formare con il Padre e lo Spirito Santo il gruppo centrale che domina tutta la composizione. Il Crocifisso è raffigurato nell'atto di pronunciare il "consumatus est", mentre il Padre è leggermente chino su di lui e lo Spirito Santo sotto forma di bianca colomba, in mezzo a loro, li lega indissolubilmente. Gli angeli ed i cherubini fanno ala alla croce reggendo gli emblemi della Passione mentre due di essi raccolgono con un calice il sangue di Cristo.
Nella parte inferiore della calotta continua la rappresentazione della scena del Golgota, con i gruppi delle Marie e la Madonna da un lato della croce, e San Giovanni e il Longino dall'altro. Sullo sfondo il gruppo di destra rappresenta i Profeti della Redenzione, quello di sinistra le Figlie di Gerusalemme. Il tutto è legato da un volo di angeli bianchi.
Nella volta che sovrasta il presbiterio è dipinta l'adorazione del Santissimo Sacramento: sopra l'altare è esposto l'Ostensorio in una raggiera d'oro, circondato da angeli adoranti disposti su diversi piani. Nelle voltine delle navate ai lati dell’altare maggiore, sono dipinti angeli osannanti.
Alla base della calotta absidale, è collocato un mosaico eseguito su cartoni del prof. Dalle Ceste , che rappresenta dodici agnelli, che simboleggiano tutto il gregge di Gesù Buon Pastore, e che convergono verso l’Agnello dell’Apocalisse posto sul libro con i sette sigilli; quest’ultimo agnello risulta poco visibile dalla navata, rimanendo parzialmente nascosto dal baldacchino dell’altare maggiore.
Un altro bel mosaico, sempre su cartone di Delle Ceste, ma di dimensioni più ridotte, è collocato sull’arco verso la sacrestia. Si tratta della lunetta dedicata a San Giovanni Battista bambino, sormontata dalla scritta: ISTE PUER MAGNUS CORAM DOMINO (Questo bambino sarà grande davanti al Signore) ed è contornato da una cornice con pavoni.
Il prof. Dalle Ceste lavorò poi nella navata centrale. Essa comprende quattro campate, otto lunotti e diversi archi e ricopre una superficie di 420 mq. Fu affrescata in modo da mantenere le caratteristiche delle decorazioni del presbiterio.
Nei lunotti sono raffigurati san Luigi Gonzaga, san Tarcisio e san Pancrazio patroni dell’Azione Cattolica, san Francesco d’Assisi, santa Caterina da Siena, santa Lucia e sant’Agnese; nelle volte sovrastanti, gruppi di angeli suonatori, cantori o portatori di simboli. I “sacramenti” sono il tema conduttore degli affreschi delle voltine delle navate laterali, rappresentato con simboli e frasi in latino.
I lavori per la decorazione del santuario, proseguirono anche durante la guerra, malgrado il richiamo sotto le armi dell’artista. Nel 1948 si completarono le decorazioni della cupola e furono collocate le vetrate colorate delle sue otto finestre. Sempre il pittore Dalle Ceste dipinse gli angeli alati con i simboli delle beatitudini negli otto scomparti del vertice, e i quattro grandi Padri della Chiesa di Occidente: sant’Agostino, sant’Ambrogio, san Girolamo e san Gregorio Magno. Fra di essi su grandi mensole vennero posti i simboli dei quattro Evangelisti in stucco dorato.
A decorazione ultimata nelle volte del santuario si poterono contare oltre quindicimila stelle e circa duecentocinquanta angeli.

×
COOKIES

Questo sito non utilizza alcun cookies di profilazione.

Sono invece utilizzati cookies normali per la navigazione sul nostro sito.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.

Anche le informazioni inviate nel modulo contatti saranno strettamente private e non cedute a terzi per scopi pubblicitari o diversi.

AVVISIAMO TUTTI I VISITATORI CHE LA CHIESA DI SANTA RITA DI TORINO

NON EFFETTUA ALCUNA RICHIESTA DI DENARO VIA EMAIL.

EVENTUALI RICHIESTE FRAUDOLENTE SONO DA CESTINARE IMMEDIATAMENTE.

GRAZIE PER L'ATTENZIONE E BUONA NAVIGAZIONE

×

Benvenuti e buona navigazione